Il Percento culturale Migros

Il Percento culturale Migros è l'espressione di un impegno volontario della Migros in ambito culturale e sociale, nei settori della formazione, del tempo libero e dell'economia. Con le proprie istituzioni, progetti e attività consente a vaste fasce della popolazione di accedere a prestazioni in campo culturale e sociale.

Idea

L'idea alla base del Percento culturale si fonda sulla filosofia di Gottlieb Duttweiler, il fondatore della Migros. Seguendone gli intenti, la Federazione delle Cooperative Migros e le Cooperative regionali si impegnano a destinare annualmente un contributo finanziario al Percento culturale Migros. Tale contributo è calcolato sulla base della cifra d'affari e viene versato anche in caso di andamento negativo degli affari nel commercio al dettaglio.

L'impegno unico nel suo genere garantisce la continuità del Percento culturale Migros ed è stato saldamente ancorato negli statuti dell'azienda. Esso rappresenta pertanto un importante obiettivo aziendale della Migros, la cui portata è pari a quella degli obiettivi commerciali.

Istituzioni e progetti

Pilastri portanti di Percento culturale Migros sono diverse istituzioni che operano in ambito culturale e sociale, nei settori della formazione, del tempo libero e dell'economia. Queste sono le Scuole Club Migros, gli Eurocentres, il GDI Gottlieb Duttweiler Institute di Rüschlikon, i quattro parchi Prati Verdi, la Ferrovia Monte Generoso e il Museo d'arte contemporanea Migros di Zurigo.

L'impegno del Percento culturale Migros si esprime anche attraverso lo sviluppo e la promozione di attività e progetti. In quest'ottica, esso ricerca costantemente nuove forme di collaborazione con altre organizzazioni private e pubbliche. Sostiene inoltre progetti e singole persone attraverso contributi di sostegno e borse di studio.

Le basi

L'istituzione del Percento culturale si basa sulle 15 Tesi di Adele e Gottlieb Duttweiler e sugli statuti della Federazione delle Cooperative Migros.

Regolamento della FCM

La prima formulazione e l'ancoramento negli statuti del Percento culturale nel contratto che lega la Federazione delle Cooperative Migros (FCM) ai cooperatori a essa aderenti risalgono al 1957.

Nel regolamento del 2004 tuttora vigente, l'impiego del Percento culturale Migros è definito come segue:

«La FCM mette a disposizione mezzi atti all'istituzione del cosiddetto 'Percento culturale' per scopi culturali, sociali e politico-economici. (...) Presso la FCM gli obiettivi culturali, sociali e politico-economici sono equiparati a quelli economici».

Le 15 Tesi

Nel 1950, Gottlieb e Adele Duttweiler pubblicarono 15 Tesi che definivano gli scopi spirituali e i valori morali della Migros, a cui i membri delle Amministrazioni e dei Consigli di cooperativa possono richiamarsi in ogni tempo. I titoli dei punti del Patrimonio spirituale rilevanti per il Percento culturale sono:

«10. L'interesse generale deve essere anteposto all’interesse delle Cooperative Migros. (...) 11. la Fondazione dell'Istituto internazionale di Rüschlikon dovrà essere estesa e finanziata nello spirito dell'atto di fondazione. (...)»

Le 15 Tesi (D)

Gottlieb Duttweiler

Gottlieb Duttweiler (1888-1962), genio del commercio, lottatore generoso dal carattere tenace e combattivo, animato da idee coraggiose e da un forte senso di responsabilità sociale, ha posto le attività del Percento culturale sullo stesso piano di quelle economiche. L'istituzione del Percento culturale è un lascito culturale e sociale da preservare.

Gottlieb Duttweiler nacque il 15 agosto 1888 a Zurigo. Svolse l'apprendistato di commercio alla Pfister & Sigg di Zurigo, una ditta specializzata nel commercio di derrate alimentari, e ne divenne contitolare dieci anni più tardi. Dopo la liquidazione avvenuta nel 1923, Gottlieb Duttweiler e la moglie Adele emigrarono in Brasile. In quel paese diresse una piantagione di caffè.

Rientrato in Svizzera, Gottlieb Duttweiler mise a frutto le esperienze maturate nel ramo del commercio e, nel 1925, fondò la Migros AG, un'organizzazione di vendita senza intermediari. Prese così avvio la fantastica storia della Migros con gli autocarri che vendevano caffè, riso, zucchero, pasta, grasso di cocco e sapone, a prezzi fino al 40% inferiori a quelli della concorrenza.

Un pioniere visionario

Creata la Migros, lo spirito sociale di Duttweiler lo portò a occuparsi anche della politica elvetica, non soltanto della sua ditta. L'Anello degli Indipendenti (AdI) da lui creato nel 1935 ottenne al primo colpo sette mandati in Consiglio nazionale.

L'idea di un'economia di mercato sociale si rifletteva anche nell'impostazione data alla Migros. Nel 1941, lui e sua moglie donarono la ditta ai clienti, facendoli cooperatori e proprietari della Migros. Alla Comunità Migros fu data una base democratica, e le società anonime regionali furono trasformate in cooperative.

Un effetto prolungato nel tempo

Le attuali dieci cooperative si sono impegnate a mettere in pratica il patrimonio ideale di Duttweiler. L'attività del Percento culturale Migros si è sempre orientata verso i bisogni sociali e culturali espressi dalla popolazione.

Gottlieb Duttweiler morì l'8 giugno 1962 a Rüschlikon.