Lia von Blarer

«Per me la recitazione è una ricerca in cui non esiste un punto di arrivo. L’esposizione dei miei personaggi alle strutture mentali del pubblico rappresenta un processo eccitante, e sono felice quando vengono così stimolate associazioni e riflessioni diverse tra di loro.»

Biografia

I miei obiettivi

«Per me la recitazione è una ricerca in cui non esiste un punto di arrivo. L’esposizione dei miei personaggi alle strutture mentali del pubblico rappresenta un processo eccitante, e sono felice quando vengono così stimolate associazioni e riflessioni diverse tra di loro. La curiosità e la gioia di ricercare in modo giocoso e di sviluppare nuovi pensieri, mi accompagna sin dall’infanzia. Per me l’interazione diretta, sia nei film sia sul palcoscenico, è sempre stata molto toccante e arricchente. Una volta provate queste sensazioni, vorrei ritrovarle anche nella vita professionale di tutti i giorni, dando sempre il massimo.»

Biografia

Nata nel 1992 a Basilea Campagna, von Blarer cresce dapprima nella cittadina di Aesch. A 15 anni se ne va di casa e consegue la maturità alla Schulfarm Insel Scharfenberg di Berlino. Seguono numerosi soggiorni linguistici in Nuova Zelanda, Losanna e Santander. Al Sheila Winn Shakespeare Festival in Nuova Zelanda raccoglie le prime esperienze di recitazione in inglese. Di ritorno a Berlino partecipa all’unART Performance Festival del Teatro Maxim Gorki.

Nel 2014 comincia a studiare recitazione alla Hochschule für Musik und Theater di Rostock, dove si esibisce in pièce scritte da lei e in altri programmi, tra cui «Augen voller Wahnsinn» di Sanne Vogel allo Schauwerk di Rostock, «Painkiller» di René Pollesch alla HMT Rostock e «dada soirée» con Lena Schmidt al Grand Hotel Heiligendamm.

Dal 2015 al 2017 impersona Julie in «norway.today» di Igor Bauersima al Volkstheater di Rostock per la regia di Sewan Latchinian. Nell’agosto del 2017, come membro del Finca Chaos Kollektiv (FCK) Lia von Blarer recita, sviluppa e produce il film «Euch das Paradies». In ottobre riveste il ruolo principale di Allie nel film «Jehn & John» di Timo Hastenpflug.

Programma delle audizioni

  • Dirty Rich Modderfocker il Terzo in «Schlachten!» di Luk Perceval
  • Marion in «Dantons Tod/Quartett» (La morte di Danton /Quartetto) di Georg Büchner e Heiner Müller
  • La grassa Heidi Klum in «Das Knurren der Milchstraße» di Bonn Park
  • Tobias in «Empfindliches Gleichgewicht» (Un equilibrio delicato) di Edward Albee
  • La bella addormentata in «Prinzesinnendramen» di Elfriede Jelinek, lavoro personale

Riconoscimenti

  • 2017: Premio d’incoraggiamento e di studio del Percento culturale Migros
  • 2016: Premio di studio del Percento culturale Migros

Critica

Contatto

Lia von Blarer
Am Kabutzenhof 2
c/o KAK
D–18057 Rostock

liajvb@gmail.com
www.liavonblarer.com

Esibizioni

  • 2016/17: «RAUSCH»; regia: Efrat Stempler; HMT Rostock
  • 2016: «Mukita» (cortometraggio); regia: J. Grünschlag
  • 2016: «dada soirée»; regia: Lia J. von Blarer; Grand Hotel Heiligendamm
  • 2015: «JuKa Satire Pilot» (TV); regia: Thomas Berrar; Arte
  • 2015: «norway.today» di Igor Bauersima; ruolo: Julie; Regie: Sewan Latchinian; Volkstheater Rostock
  • 2014: Zwischen den Zeiten (TV); regia: HansJörg Thurn; ZDF
  • 2014: «Asylmonologe» di Michael Ruf; ruolo: Safiye; regia: Michael Ruf; Schauwerk Rostock
  • 2013: «Feuchtgebiete» (Kinospielfilm); Regie: David Wnendt; Kino
  • 2013: «Die Gottesanbeterin» di Alejandro Sieveking; regia: Oliver de la Parra; Theaterhaus Mitte Berlin
  • 2007: «Augen voller Wahnsinn» di Sanne Vogel; regia: Priska Sager und Lorenz Nufer; Theater Basel

Il materiale messo a disposizione può essere utilizzato dagli addetti alla stampa, in modo integrale o parziale, previa indicazione della fonte.